collianiene19_map_5

Mantova: primo weekend nazionale del 2019

Dopo aver chiuso alla grande la scorsa stagione, con il titolo nazionale sprint M20, l’argento dolce-amaro ai campionati long in M18 e la vittoria di entrambi i circuiti nazionali di Coppa Italia e Sprint Race Tour, per Francesco inizia un 2019 stimolante e impegnativo, che lo vede già subito nel gruppo dei giovani di interesse nazionale, con la presenza fissa nei raduni delle squadre nazionali e la convocazione già ottenuta per gli ISF in Estonia a inizio maggio.

Quello del 23/24 marzo scorso a Mantova era il primo weekend del calendario nazionale, entrambe valide per il circuito Sprint Race Tour e, quella di domenica nel centro storico della città natale di Virgilio, anche per la Coppa Italia. Leggiamo proprio dalle parole di Francesco come ha vissuto questo primo impegno e confronto nella sua categoria M18.

Dopo un lungo inverno, sabato e domenica scorsi sono tornate le gare nazionali a Mantova ed io ammetto di essere stato in trepidante attesa per il nuovo inizio di stagione; una stagione nella quale punto, come negli ultimi anni, ad una convocazione con la maglia della nazionale giovanile e dove sicuramente darò il massimo per non deludere le mie aspettative.

Questa stagione è decollata subito in velocità, infatti le due prove che ci si presentavano erano entrambe del circuito Sprint Race Tour, delle quali la seconda valevole anche per la Coppa Italia. Sabato la gara si è svolta nella periferia della città, nel Bosco Virgiliano; io ero molto perplesso sul fatto che si potesse svolgere una gara molto tecnica in quel parco e inoltre nel pre-partenza, studiando un po’ la carta, ho pensato tra me e me che sarebbe stata da correre dall’inizio alla fine. In effetti le mie considerazioni non sono state smentite: la gara era tirata quanto una corsa campestre e c’erano solamente due tratte con più di una scelta; il tracciatore, dal canto suo, non ha potuto far altro che piazzare molti punti ravvicinati per complicare i tracciati e creare un po’ di confusione con continui cambi di direzione. Passando al resoconto della mia gara, non è stata una delle migliori: subito al primo punto ho sbagliato fiondandomi su una lanterna posta 50 metri più a sinistra della mia, qualche attimo l’ho poi perso per rilocalizzarmi ed ecco che 15” se ne sono andati, invece l’altro grosso errore (o sfortuna) mi è capitato al sesto punto, dove, in una delle poche scelte, ho optato per la scelta più a ovest, che prevedeva anche di salire una scarpata per raggiungere la strada, ed è proprio qui che, dopo aver scalato il pendio, mi sono accorto di non avere più la cartina in mano; sconsolato, mi accorgo che l’avevo “dimenticata” di sotto e torno a prenderla, perdendo altri 20”. Nei punti successivi non ho sbagliato praticamente nulla ma mi è sembrato di non riuscire a correre veloce. Alla fine ho agguantato in extremis un terzo posto a 50” dal primo. Sono uscito insoddisfatto dalla prima giornata, ma è stato un valido allenamento per il giorno seguente.

Domenica il ritrovo era sulla sponda opposta del Mincio rispetto al centro storico di Mantova, che da lì si poteva ammirare in tutta la sua bellezza. La gara, svoltasi proprio nel centro storico, era anche gara di selezione per gli EYOC (Europei giovanili) di quest’anno e ciò ha rappresentato uno stimolo in più per non fallire. La mia tattica, forse un po’ rischiosa, era quella di partire forte per poi stringere i denti nella parte finale in un’altra gara che si è rivelata priva di grosse insidie tecniche. Effettivamente, come si evince dagli intertempi pubblicati dopo la gara, al settimo punto conducevo la gara con 17” di vantaggio sul secondo, ma purtroppo alla otto la scelta di sinistra si è rivelata fallace, poiché, contando i bivi sulla mia destra, me ne è sfuggito uno e sono andato lungo. In questo modo ho perso 20” e anche la possibilità di vittoria. Ho concluso secondo a soli 6” dal vincitore con grosso rammarico.

In fin dei conti questa trasferta non è andata malissimo, dato che sono riuscito a conquistare due podi, ma mi aspetto di più dalle prossime gare in programma, primo fra tutti il weekend bolognese del 6-7 aprile.